In ricordo del Soldato Giovanni Giampietro

I negazionisti del campo di sterminio che i piemontesi realizzarono nel Forte San Carlo di Fenestrelle per uccidere scientemente e senza pietà i soldati del Regno delle Due Sicilie presi prigionieri, non hanno fatto i conti con chi sta facendo accurate ricerche comparate nei luoghi di origine dove quei giovani ragazzi non fecero più ritorno.

Un primo simbolico riconoscimento a quei 40mila eroi che non vollero abiurare la loro Patria e il loro Re i nostri compatrioti lo daranno a Giovanni Giampietro, giovane soldato delle Due Sicilie ucciso a Fenestrelle nel 1863, in una cerimonia che si terrà il 18 maggio a Moliterno, alle ore 17.00, prima presso la biblioteca G. Racioppi e poi, alle 19.00, presso il cimitero per lo scoprimento di una lapide, secondo il programma allegato.

Chi può non manchi: è un dovere verso chi seppe offrire la propria vita per una Patria bellissima e sfortunata.

ORSI Commemorazione

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Evento a Gerace

Gerace#001

Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

Evento a casalvecchio

Domenica 29 aprile, alle ore 18.00, presso l’auditorium comunale di Casalvecchio (FG), proiezione del docu-film LA TERRA DEI BORBONE e presentazione del progetto-film IL TRAMONTO DEL SOLE (Due Sicilie 1860).

Al termine sarà animato un dibattito.

CASALVECCHIO La Terra dei Borbone#001

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Novità Editoriale – Gianandrea de Antonellis

Principe-Canosa-cop#001

Il nuovo saggio sarà presentato a Napoli sabato 21 aprile, alle ore 18.30 presso l’Hotel Renaissance Mediterraneo, sito in Largo Ponte di Tappia, 25

da:

prof. Guido Vignelli, storico delle dottrine politiche;

prof. Gennaro De Crescenzo, presidente Movimento Neoborbonico;

dott.ssa Marina Carrese, presidente Fondazione Il Giglio.

Sarà presente l’Autore.

Il Principe di Canosa è stato un personaggio emblematico ed importantissimo nella storia della nostra antica Patria. Un resistente fedele e capace che seppe tener testa con onore e dignità al più potente esercito di invasori.

Amici e compatrioti sono invitati ad intervenire.

Per ordini   www.editorialeilgiglio.it

 

Pubblicato in Novità editoriale | Lascia un commento

Matrimonio Reale

Matrimonio Reale 1#001

Matrimonio Reale 2#001

Matrimonio Reale 3#001

Matrimonio Reale 4#001

Matrimonio Reale 5#001

Matrimonio Reale 6#001

Pubblicato in Dalla Storia | Lascia un commento

Gaeta raduno 2018

Gaeta Programma Bozza 14 a#001

Gaeta Programma Bozza 14 b#001

Gaeta Programma Bozza 14 c#001

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Gaeta 2018

Gaeta 2018#001

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

San Ludovico da Casoria

San Ludivico da Casoria#001

La Delegazione Napoletana della Fondazione Francesco II ha organizzato, con l’alto patrocinio dei club UNESCO di Napoli e di Bisceglie e del GRAN PRIORATO dei POVERI CAVALIERI DI CRISTO, una importante manifestazione in memoria di due uomini che hanno speso la loro vita per la pace: SAN LUDOVICO DA CASORIA e Re Francesco II di Borbone.

L’appuntamento è per il prossimo 3 gennaio a Napoli, nella casa che i Re Borbone acquistarono e donarono a San Ludovico per collocare i bambini schiavi che il santo comprava al mercato di Alessandria d’Egitto.

Una storia di civiltà, di rispetto dei diritti umani e di grande fede che risultò rivoluzionaria per quei tempi; una storia che, come tutte quelle realtà che riguardano le Due Sicilie, è stata volutamente fatta cadere nell’oblio…..

Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

Evento a Gioiosa Jonica

DUE SICILIE#001

 

L’Associazione Culturale Due Sicilie e l’Ordine Costantiniano di San Giorgio, Delegazione Calabria, Vi invitano per mercoledì 27 dicembre, ore 17.00, in Gioiosa Jonica (RC), presso la Sala ex “Casina dei Nobili”, primo piano della storica pasticceria – gelateria “Bar Italia”, all’incontro sul tema:
“Giuseppe Pellicano Spina, legittimista calabrese, e la sua corrispondenza epistolare con Franceso II di Borbone”.

Intervengono:

Mariolina Spadaro (Presidente dell’Associazione Due Sicilie)

Aurelio Badolati (Delegato Vicario SMOCSG Calabria)

Relaziona: Vincenzo Naymo (Università di Messina)

Alle ore 19, presso la vicina Chiesa di Maria Santissima Addolorata, seguirà la Santa Messa in suffragio di S.M. Francesco II di Borbone e dei Caduti del Regno delle Due Sicilie, presieduta da Don Nicola Commisso Meleca, Cav. Di Grazia Ecclesiatico SMOCSG.

——————————

GIUSEPPE PELLICANO SPINA (Gioiosa, 28 settembre 1816 – Gioiosa Jonica, 6 aprile 1901), appartenente alla nobile famiglia gioiosana dei Pellicano che annovera tra i suoi esponenti anche un vescovo (Giuseppe Maria Pellicano, vescovo di Gerace dal 1818 al 1833), fu guardia del corpo a cavallo di Ferdinando II e poi di Francesco II, dal 1851 fino a tutto il 1860, quando la Compagnia delle Reali Guardie del Corpo fu sciolta.
Dalle ricerche storiche condotte dal Prof. Vincenzo Naymo, apprendiamo che nel settembre del 1860 seguì Francesco II a Gaeta; rientrò in Calabria nel successivo mese di ottobre dove, insieme a Vincenzo Ajossa, organizzò un’insurrezione a Cinquefrondi, Maropati e Giffone, al fine di impedire lo svolgimento del plebiscito di annessione. Successivamente, mantenne una corrispondenza epistolare con Francesco II in esilio.

Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

In ricordo ed in suffragio di Francesco II di Borbone

Francesco II (1)#001

Mercoledì 27 dicembre, con raduno alle ore 17.30, si ripeterà il tradizionale ed importante incontro presso la Chiesa di San Ferdinando di Palazzo in Napoli, con alle 18.00 la Santa Messa solenne in Rito Romano Antico celebrata in suffragio dell’ultimo Re di Napoli Francesco II di Borbone, nell’anniversario della sua morte avvenuta il 27 dicembre 1894, a cura del Movimento Neoborbonico, della Fondazione Il Giglio, della Delegazione Campana dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio e sotto gli auspici della Real Casa di Borbone Due Sicilie.

L’occasione per celebrare un grande Re e la nostra memoria storica. L’occasione per incontrare amici nella Fede vicini e lontani che, pertanto, non potranno mancare.

 Francesco II 2#001

Il passo che segue, relativo al trapasso di S.M. Francesco II, è stato tratto dall’opera: “Per la traslazione in Santa Chiara di Napoli dei resti mortali degli ultimi Sovrani delle Due Sicilie” – Napoli 1984 – di Padre Gaudenzio dell’Aja, francescano.

 Francesco 2 funerali#001

””” Nella seconda decade di dicembre, la Regina si recò ad Arco per trascorrervi i giorni di Natale e di Capodanno insieme col Consorte, ma la vigilia di Natale le condizioni di salute di Francesco di Borbone si aggravarono. Il 26 dicembre, dopo la celebrazione della Messa, furono amministrati al Sovrano il Viatico e l’Estrema Unzione.

Confortato dalla benedizione del Sommo Pontefice, Francesco II si spense in Arco il 27 dicembre 1894, alle ore 14,34.

Erano presenti al transito la Regina Maria Sofia, il Conte di Caserta e gli Arciduchi di Austria, Alberto, Ranieri ed Ernesto.

Napoli apprese la notizia della morte di Francesco II di Borbone dalle colonne de Il Mattino. Matilde Serao scrisse in prima pagina un articolo dal titolo « Il Re di Napoli », in cui fra l’altro diceva:

«Don Francesco di Borbone è morto, cristianamente, in un piccolo paese alpino, rendendo a Dio l’anima tribolata ma serena.

Giammai principe sopportò le avversità della fortuna con la fermezza silenziosa e la dignità di Francesco secondo. Colui che era stato o era parso debole sul trono, travolto dal destino, dalla ineluttabile fatalità, colui che era stato schernito come un incosciente, mentre egli subiva una catastrofe creata da mille cause incoscienti, questo povero re, questo povero giovane che non era stato felice un anno, ha lasciato che tutti i dolori umani penetrassero in lui, senza respingerli, senza lamentarsi; ed ha preso la via dell’esilio e vi è restato trentaquattro anni, senza che mai nulla si potesse dire contro di lui. Detronizzato, impoverito, restato senza patria, egli ha piegato la sua testa sotto la bufera e la sua rassegnazione ha assunto un carattere di muto eroismo… Galantuomo come uomo e gentiluomo come principe, ecco il ritratto di Don Francesco di Borbone».

La salma di Francesco II, vestita con abiti civili su cui spiccavano le decorazioni e fra queste la medaglia al valore militare per la difesa di Gaeta, restò esposta nella camera ardente fino alla sera del 29 dicembre”””.

Francesco II

Pubblicato in Eventi, News, News sul Sud, Notizie dalla patria, Novità editoriale | Lascia un commento