Il Giardino del Dialogo a Motta Santa Lucia

Domenica 29 maggio 2016 sarà inaugurato a Motta Santa Lucia, in provincia di Catanzaro, il primo “GIARDINO DEL DIALOGO” in Italia.

https://www.facebook.com/events/744681482341249/

Successivamente il progetto verrà realizzato in altri Comuni (il 31 maggio vi sarà l’inaugurazione a Torino, presso il parco che circonda la scuola media Matteotti).

L’iniziativa è sostenuta dai patrocini della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, dell’ANPCI (Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia), dell’UNCEM (Unione Nazionale Comuni Enti Montani), di Legautonomie, del Comitato Italiano Città Unite (C.I.C.U.), della sezione italiana di RFP (Religions for Peace), la più grande organizzazione mondiale sul dialogo interreligioso, e dell’ Osservatorio per il Pluralismo Religioso.

Grazie alle suddette Associazioni di Enti Locali, l’iniziativa sarà portata a conoscenza di migliaia di comuni sparsi su tutto il territorio nazionale.

Il “Giardino del Dialogo” costituisce la “materializzazione” fisica di quanto contenuto nell’omonimo mio libro denominato appunto “Il Giardino del Dialogo”, che uscirà on-line poco tempo dopo l’inaugurazione dei “Giardini” di Motta Santa Lucia e di Torino e tra qualche mese in edizione “cartacea”.

Di seguito i testi della targa che inaugura il percorso storico e la n° 5 (I VINTI DEL RISORGIMENTO).

L’iniziativa sarà denominata “IL GIARDINO DEL DIALOGO (nel Paese del Dialogo) e difatti, ad ognuna delle targhe corrisponderà una casa del Paese, che rimarrebbe così totalmente coinvolto.

Motta Santa Lucia TARGA APERTURA GIARDINO#001

Motta Santa Lucia TARGA 5#001

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Evento ad Avellino

Avellino

Giovedì 19 maggio 2016, alle ore 17.30, presso il Carcere Borbonico di Avellino, in Via De Marsico, si svolgerà un importante evento con l’inaugurazione della Mostra sui 300 anni di Carlo di Borbone.

La mostra è stata realizzata con il patrocinio della Real Casa di Borbone Due Sicilie e dell’ANCCI e viene esposta dal 19 al 26 maggio per scuole e appassionati di storia.

Ci sarà anche la presentazione del libro di Pino Aprile “Carnefici”, con Pino Aprile e Gennaro De Crescenzo.

L’evento, organizzato da Antonella D’Addazio, è patrocinato anche dalla Provincia di Avellino con la collaborazione di Sertura Vini, di Edil Casa Salerno, di Hotel Villa Calvo, Forchetta d’Oro Catering.

Un’occasione importante per parlare di Sud e verità storica tra primati borbonici e questioni meridionali, partendo dal nuovo e importante libro di Pino Aprile e dai 300 anni di Carlo di Borbone.

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Pino Aprile a Telese Terme

Pino Aprile presenterà il suo ultimo libro “CARNEFICI” alle ore 18.30 di sabato 21 maggio 2016, presso la Libreria “Controvento”, sita in Telese Terme, in Via Cristoforo Colombo nr. 27.
Amici e compatrioti sono invitati a partecipare e troveranno ad accoglierli il nostro Delegato  Dott. Ubaldo Sterlicchio.

Pino Aprile Carnefici 1#001

Pino Aprile Carnefici 1#002

Pubblicato in Eventi, News, News sul Sud, Notizie dalla patria, Novità editoriale | Lascia un commento

Evento a Caivano

Continuano le iniziative che celebrano i trecento anni della nascita del grande Re Carlo fondatore del felice Regno dei Borbone Napoli che ha lasciato una profonda traccia nella nostra storia, nella nostra cultura e nella nostra identità. Il nostro Popolo deve molto a questa Dinastia.
Ci vediamo martedì 10 maggio, dalle ore 17.30, a Caivano, nel Castello, nella Biblioteca e in Piazza Battisti per la conferenza, la mostra ed il concerto per la nascita del Regno di Napoli, avvenuta il 10 maggio 1734 e, naturalmente, per i 300 anni di Carlo di Borbone.

Caivano#001

Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

Aiutiamo la nostra Gente

La figlia di un dipendente del Pastificio Rummo di Benevento ha lanciato un appello, scrivendo anche a noi, per salvare la fabbrica dalla chiusura: “Barilla può fare a meno di un pacchetto di spaghetti, noi no”. Almeno una volta proviamo a comperarla? Ricordiamo che l’azienda Rummo, fiore all’occhiello dell’intera area per qualità, scrupolosità nell’impiego di grano certificato e serietà commerciale, fu devastata dall’alluvione dello scorso anno. Gli operai hanno ripulito e ricostruito con le proprie mani la loro fabbrica, ma quel fermo è stato fatale. Noi tutti possiamo fare molto: chi in piccolo e chi in grande può e deve fare la sua parte, è veramente un dovere verso la nostra Gente, verso la nostra identità.

Pasta Rummo

Pasta Rummo 2

Pubblicato in News, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

La medicina omeopatica nel Regno delle Due Sicilie

LA MEDICINA OMEOPATICA 1#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 2#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 3#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 4#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 5#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 6#001

LA MEDICINA OMEOPATICA 7#001

Pubblicato in Dalla Storia | Lascia un commento

Novità Editoriale – Lorenzo Del Boca – Il sangue dei Terroni

IL SANGUE DEI TERRONI

Del Boca#001

 

Lorenzo Del Boca, come scrive giustamente Pino Aprile nella prefazione, “è un grande cronista che scrive di storia: di quella stirpe di giornalisti capaci di rendere affascinante e comprensibile qualsiasi argomento trattino”. Con queste premesse seguiamo Lorenzo Del Boca fin da quando (tra i primi a farlo in epoca recente) trattò le questioni meridionali (dei classici, ormai, “Maledetti Savoia” e “Indietro Savoia”) diventando anche, con decine di incontri e convegni, un sapiente, efficacissimo e piacevolissimo “raccontatore di verità storiche”. Con queste premesse, del resto, aveva già affrontato il tema della prima guerra mondiale (“Maledetta guerra”). Ora approfondisce lo stesso tema vedendolo, però, da Sud. Ed è una prospettiva davvero nuova e interessantissima quella della grande guerra vista, a conti fatti, come l’ultima guerra di un “risorgimento” con e (soprattutto) contro i meridionali.

Da qualche mese ho scoperto una verità familiare che non conoscevo: il padre di mia nonna Giuseppina (Simone Balestrieri), è nel libro d’oro della guerra. Giovanissimo (era nato a Napoli nel 1891), fu arruolato nella Brigata Sele il giorno dell’onomastico di mia nonna. Ferito in battaglia, morì il 22 agosto del 1916 a 25 anni: la sua tomba è ad Ostrava nella Repubblica Ceca (era da quelle parti una fabbrica-lager). Quella di nonno Simone è una delle tante storie che potrebbero essere raccontate nel libro di Del Boca. E così si parte da quel Sud-colonia e da quelle tesi del famoso Lombroso (“che qualcuno arriva a definire scienziato”) per arrivare a fare dei meridionali “carne da cannone come l’Inghilterra faceva con i pakistani o la Francia con i marocchini” e se quella scelta non fosse stata pianificata sarebbe pure peggio perché, evidentemente, si trattava di un “atteggiamento implicitamente acquisito”. Così si raccontano gli scioperi contro la guerra delle coraggiose donne siciliane tra “miserere e invettive”. Si registrano i drammatici dati di una guerra veramente maledetta e ancora più maledetta per i meridionali (su 1000 uomini 105 non tornarono; 112 in Campania, 113 in Calabria, 210 in Basilicata). Su quasi 6 milioni di arruolati furono 677.000 i morti, senza considerare i morti in prigione o negli ospedali arrivando a superare il milione e mezzo di vittime (almeno un milione i meridionali). Fu così che al Nord, pur con vittime e danni gravi, a fine guerra si contarono centinaia di migliaia di operai più o meno specializzati nell’industria bellica (720.000 i “dispensati”) e al Sud solo lapidi (e spesso neanche quelle) nelle piazze dei paesi (solo 21.000 i “dispensati”). 400.000 i processi per reati commessi dai soldati (prevaleva il “disfattismo” anche solo per una lettera inviata ai propri familiari con qualche dubbio sulla utilità di quella carneficina), migliaia le “vittime sul posto” (anche solo per qualche “risposta vivace” ai superiori), migliaia le vittime delle “decimazioni” come quelle operate contro la Brigata Catanzaro (“i morti con la terra in bocca”). Eppure su 40.000 libri pubblicati, solo un paio di autori (compreso Del Boca) hanno trattato questi argomenti o hanno fatto ricerche sui documenti relativi a quei processi o a quelle ribellioni e molti conti sono ancora da fare o rifare nel nome di una verità storica che la cultura ufficiale non ha ricostruito o non ha voluto ricostruire (e qualcuno, aggiungiamo noi, precisamente dalle parti di Fenestrelle, dice di aver chiuso la questione magari dei soldati delle Due Sicilie deportati o uccisi al Nord dopo qualche mese di ricerca). Non mancano (è nello stile di Del Boca) notizie spesso tratte da diari, memorie, poesie o lettere oltre che da documenti inediti. Significativa la breve storia di Napoli da “emporio universale delle Due Sicilie” a “città dolente” con i passaggi su quel porto mai adeguatamente valorizzato (1900 i metri di banchina commerciale di cui solo la metà con binari, 14 i chilometri del porto di Genova e tutti con binari) mentre si consentiva alle Officine Meccaniche di Milano di ridurre stipendi e investimenti a Napoli dopo la concessione di esenzioni fiscali e agevolazioni di ogni tipo (schema che conosciamo bene anche in tempi più recenti) fino a quella Cassa per il Mezzogiorno che, di fatto, aiutò “i capitalisti del Nord”. Ed è ancora più spietato, tornando alle trincee, il confronto amaramente ironico che Del Boca ci presenta tra le atrocità di una guerra fatta di “fango e sangue”, “cieli nuvolosi e paesaggi lividi” e le irresistibili (e tragicamente comiche) relazioni militari o le preoccupazioni “floreali” di Cadorna e degli altri generali carichi di medaglie ma impegnati nelle “rischiosissime” colazioni dei bar di Trento e ben lontani dal fronte a cui guardavano come oggi guardano gli schermi i ragazzi che giocano con la Playstation. Insomma, usando le parole di uno dei tanti “terroni” impegnati al fronte: “Questa disonesta patria ci ha fatto le promesse e non le ha mantenute. Disgraziata e cornuta”. No, “non ce l’hanno raccontata giusta” -scrive Del Boca- e continuano a farlo e dobbiamo ringraziare Del Boca se questa e tante altre pagine di storia ce le ha raccontate lui ma (finalmente) nella maniera giusta e meglio, molto meglio di tanti storici “ufficiali” stranamente silenziosi o pigri su temi delicati, complessi e attuali come questi.

Gennaro De Crescenzo

Pubblicato in Novità editoriale | Lascia un commento

Briganti a Tufara

Tufara#001

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Briganti a Campobasso

Campobasso 3#001Campobasso 2#001

Campobasso 2#002

Pubblicato in Eventi, News sul Sud, Notizie dalla patria | Lascia un commento

Cavour

CAVOUR 1#001 CAVOUR 2#001 CAVOUR 3#001 CAVOUR 4#001 CAVOUR 5#001 CAVOUR 6#001 CAVOUR 7#001 CAVOUR 8#001

CAVOUR 9#001

Pubblicato in Dalla Storia | Contrassegnato | Lascia un commento